Quando acquistate gli ETF Smart Beta, sapete cosa possedete | Portafoglio di investimenti | 2018

Quando acquistate gli ETF Smart Beta, sapete cosa possedete

L'anno scorso doveva essere un anno di banner per gli ETF beta intelligenti negli Stati Uniti, ma ciò non è accaduto, secondo Morningstar. La raccolta in ETF beta strategici - il termine Morningstar per gli ETF per fondi focalizzati su specifici fattori di investimento - ha rallentato rispetto all'anno precedente, nonostante il fatto che gli ETF siano aumentati complessivamente del 61% in quanto gli investitori hanno preferito gli ETF con indice di ponderazione del mercato semplice con coefficienti di spesa inferiori.

L'attenzione ai costi più bassi "svantaggi in qualche modo questi ETF beta beta più recenti, più complessi, più complessi e più costosi", ha detto Ben Johnson, direttore della ricerca globale dell'ETF di Morningstar, in un'intervista pubblicata con il direttore della finanza personale di Morningstar, Christine Benz.

(Correlato: rendere il caso Beta strategico come un tuffo)

Potrebbe anche svantaggiare gli investitori. "Se devono concentrarsi su differenze sempre più piccole nei livelli delle commissioni, corrono il rischio di trascurare il fatto che molti degli indici che stanno alla base di questi fondi porteranno risultati molto diversi anche se potrebbero avere etichette simili" ha aggiunto Johnson.

Todd Rosenbluth, direttore senior dell'ETF e fondo comune di ricerca presso CFRA, fa un ulteriore passo in avanti. "Comprendere il record di rendimento dell'ETF o la sua capacità di replicare un indice unico non aiuta gli investitori a determinare cosa accadrà nel 2018. Solo una revisione delle partecipazioni può fornirlo", scrive in un recente commento. Inoltre, dal momento che tali partecipazioni possono essere ricostituite su base regolare - la frequenza dipende dal fondo - "è necessaria un'ulteriore due diligence", afferma Rosenbluth.

(Correlato: Goldman inizia la beta beta ETF Price War)

Rosenbluth, insieme ad altri analisti, prevediamo che i fondi a bassa volatilità supereranno generalmente altri ETF beta intelligenti nel 2018, ma i consulenti dovrebbero notare che la stessa previsione è stata prevalente per il 2017 e i fondi low-vol hanno sottoperformato quest'anno, in gran parte perché c'era poca volatilità sul mercato.

"La volatilità come fattore è una delle più incomprese", afferma Alex G. Piré, responsabile della gestione del portafoglio clienti presso Seeyond, affiliata di Natixis Investment Advisors. "Molti tendono a guardare al livello aggregato, misurato dal VIX... Investiamo in bassa volatilità usando un approccio di gestione attivo, comprando titoli a bassa volatilità, non settori."

Momentum è stato il fattore di investimento per stelle per il 2017 - " gli investitori stavano acquistando una crescita ", afferma Matthew Bartolini, a capo di SPDR Americas Research, e potrebbe ancora essere un buon inizio per l'inizio del 2018 se la stagione degli utili è forte, afferma Rosenbluth. I consulenti possono controllare lo slancio dei singoli ETF utilizzando strumenti analitici come Trendrating, che misura lo slancio degli ETF e di altri portafogli a partire dall'impulso delle loro singole scorte.

Quest'anno potrebbe anche vedere una crescente domanda di fondi multi-factor, che tipicamente integra da tre a cinque fattori come quantità di moto, valore, dimensioni, bassa volatilità e qualità a livello di singolo stock. Tali fondi "possono dare un colpo più forte" rispetto all'utilizzo di una combinazione di diversi fondi a singolo fattore, scrive Alex Bryan, direttore della ricerca sulle strategie passive, North America a Morningstar.

"Ci aspettiamo che il 2017 sarà un anno in cui più consulenti cercheranno ETF a più fattori che sembrano più una gestione attiva rispetto all'IVF [iShares S & P 500 Index ETF] e ai suoi pari ponderati, ma sono meno costosi dell'1,1% per un fondo comune a grande capitalizzazione ", afferma Rosenbluth. "Se lo fanno, speriamo che finiscano i loro compiti e guardino prima dentro i portafogli."

- Correlati su :

  • Strategie beta intelligenti più popolari che mai e in rapida crescita: sondaggio
  • Attivi e Smart Beta ETF registra robusti flussi
  • Smart Beta: quale strategia funziona meglio nel corso del tempo?

Carica altro

Articolo Precedente

I 9 più grandi annunci di assicurazioni sulla vita e sulla salute questa settimana

I 9 più grandi annunci di assicurazioni sulla vita e sulla salute questa settimana

Agenti assicurativi e consulenti finanziari ora avere tutti i vantaggi di un team di marketing a servizio completo a portata di mano. L'organizzazione no profit Life Happens ha annunciato il lancio di Life Happens Pro SM , una soluzione online che offre a agenti assicurativi e consulenti finanziari un semplice e un modo economico per accedere, incorporare e distribuire le risorse di marketing assicurativo per potenziare la propria attività....

Articolo Successivo

CMS chiede commenti sul processo di revisione dei tassi di salute

CMS chiede commenti sul processo di revisione dei tassi di salute

I Centri per Medicare e Medicaid Services (CMS) vogliono sapere cosa pensa la gente del nuovo Affordable Care Act: aumento del tasso di divulgazione e revisione del programma di assicurazione sanitaria. CMS, un ramo del Dipartimento della Sanità e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS), ha pubblicato la richiesta di revisione dei tassi per i commenti oggi nel registro federale....

Pubblica Il Tuo Commento