Le migliori selezioni di John Buckingham per l'inizio del 2017 | Altro | 2018

Le migliori selezioni di John Buckingham per l'inizio del 2017

"Le azioni hanno un modo di scalare un muro di preoccupazione ", dice Buckingham.

Ace stock-picker Le previsioni di mercato di John Buckingham sono spesso chiare. Quindi, è andato al Chief Investment Officer di Al Frank Asset Management per la sua interpretazione di come potrebbe essere la prima metà del 2017 per gli investitori e dove si possono trovare opportunità.

Il value manager che ama la tecnologia cita l'incertezza diffusa sul presidente Donald I piani di Trump come ragione per un probabile ritiro del mercato azionario a breve termine. Per l'intero anno, l'investitore a lungo termine è rialzista.

Buckingham ha gestito il fondo Al Frank sin dal suo inizio nel 1998. A partire dal 31 dicembre, vanta un tasso di rendimento annuale annualizzato del 10,1% rispetto al 6,7% dell'indice Russell 3000. L'anno scorso il fondo è salito del 15,62%.

Nell'intervista, Buckingham, che supervisiona 650 milioni di dollari in AUM, ha condiviso il suo pensiero su settori e una varietà di azioni specifiche a suo favore per l'anno.

Di recente abbiamo parlato per telefono con Aliso Viejo, gestore di fondi con sede in California, redattore della newsletter di The Prudent Speculator e un blogger di Forbes. Ecco i punti salienti della nostra conversazione con la clandestina Buckingham:

: Come cambierà la presidenza di Donald Trump sui mercati dei titoli nella prima metà di quest'anno?

JOHN BUCKINGHAM: C'è stato un significativo quantità di buone notizie che sono state scontate, ma non siamo certi che la buona notizia si concretizzerà. Pertanto, sono un po 'preoccupato per il breve termine: potremmo avere un po' di ritirata. Non sappiamo ancora cosa farà Trump. E - come mi piace scherzare - non sono sicuro che lui sappia ancora cosa farà.

Qual è la tua visione generale del mercato per il primo semestre?

Potremmo vedere più di una rotazione fuori fissa reddito e in azioni, soprattutto se la Fed continua ad alzare i tassi di interesse. Il reddito fisso non genera grandi rendimenti, come è avvenuto nella seconda metà dell'anno scorso; ma le azioni hanno funzionato bene. Quindi potremmo vedere un maggiore interesse per le azioni mentre ci spostiamo nel 2017. Entro la fine di giugno, potremmo essere il 4% circa in più rispetto a oggi, ma avremo molta volatilità lungo il cammino.

Come gli sforzi per smantellare Obamacare influenzeranno il settore sanitario e il mercato generale?

Obamacare è un'enorme carta selvaggia. Non sappiamo cosa si materializzerà. Ma penso che le reazioni che abbiamo visto in molti titoli siano esagerate rispetto a quello che accadrà: la mia percezione è che ci sarà meno cambiamento di quanto si pensi.

Qual è una buona strategia di investimento per l'assistenza sanitaria, allora?

Il modo migliore e più sicuro per giocare è guardare gli stock che sono già stati più duramente colpiti e vedere se è probabile che quelle aziende siano colpite duramente quanto il mercato si aspetta. Guarda cosa è stato picchiato ingiustamente. Abbiamo appena aggiunto uno stock di dispositivi medici al nostro portafoglio. Ne possedevamo già [un altro], Medronic. Aveva perso il 20 per cento del suo valore in un tempo relativamente breve, in particolare per le preoccupazioni sui prezzi in corso.

Molte persone sono spaventate a causa di tutte le incertezze sulla presidenza di Trump. Come influirà sul loro investimento?

C'è sempre qualcosa di cui preoccuparsi. Ma le azioni hanno un modo di scalare un muro di preoccupazioni. Alla fine, gli investitori sono ricompensati per aver investito in società che crescono in alto e in basso. La vita va a vanti. Alla fine della giornata, l'economia cresce a circa il 3% nel lungo periodo e le quotazioni delle azioni sono ancora migliori nel lungo periodo. E per molte persone, avere un Congresso e un Presidente pro-business è positivo, non negativo. I profitti aziendali sono la cosa più importante.

Qual è la tua previsione per i guadagni, allora?

Saranno migliori nel 2017 rispetto al 2016 - e questo non è nemmeno il factoring delle potenziali agevolazioni fiscali per le imprese americane, se il rimpatrio di denaro detenuti all'estero o un'aliquota inferiore, come è stato articolato in tutta la campagna di Trump, che ovviamente migliorerebbe i guadagni netti. L'anno scorso il settore energetico ha rappresentato un grosso ostacolo per i profitti a causa del significativo crollo dei prezzi del petrolio a partire dal 2015. Senza tale resistenza quest'anno, anche se il resto dei settori si guasta, hai un miglioramento delle prospettive di profitto, che è positivo per titoli azionari. Cosa potrebbe accadere nel mercato obbligazionario?

Siamo stati in un mercato toro obbligazionario a 30 anni. Alla fine, vedrai il contrario. Le obbligazioni non sono dove vuoi mettere i tuoi soldi [ora]. Non penso che il mercato crollerà: perderai il 10%; ma potrebbero esserci rendimenti moderatamente negativi sugli investimenti a reddito fisso tradizionali. Questa è una delle ragioni per cui penso che le azioni siano allettanti: alcuni di questi dollari incrementali stanno per uscire dalle obbligazioni e oltre alle azioni, che saranno importanti per il mercato.

Cosa ne pensi dell'inflazione?

I don ' vedere l'inflazione essere un problema enorme. Non siamo nemmeno al 2%. L'inflazione rimarrà sotto controllo. Ci sono ancora molte persone che non sono nel mercato del lavoro che vorrebbero essere. Mentre abbiamo appena visto alcuni numeri decenti sulla crescita dei salari, non so che quelli porteranno a un'inflazione significativa.

La storia ha dimostrato che dalla seconda guerra mondiale, c'è stata una recessione durante il primo mandato di ogni repubblicano Presidente. Che cosa è questa possibilità con Trump?

Non penso ci sia alcuna possibilità, tranne un evento esterno, di una recessione quest'anno. Per avere una recessione ufficiale, sono necessari due trimestri di ritrazione; e io proprio non lo vedo accadendo. I precedenti storici non sempre sono veri. Penso che saremo un po 'meglio di quanto suggerisca la Federal Reserve. Stimo una crescita del 2-1 / 2% - 3% per l'anno, il che sarebbe uno sfondo favorevole per i profitti delle imprese.

Qual è la probabilità di una correzione del mercato quest'anno?

Se intendi un declino del 10%, quelli accadono almeno una volta all'anno. Quindi la probabilità è molto alta. Il fatto che le azioni abbiano avuto un buon anno 2016 crea la probabilità di una ritirata. Non abbiamo avuto un calo significativo in 11 mesi, quindi probabilmente ne dovremo uno. Ma il fatto che i profitti delle società cresceranno probabilmente quest'anno ha diminuito il rischio perché i prezzi delle azioni in genere seguono i profitti.

Le spese in conto capitale infine aumenteranno?

Vediamo un po 'più ottimismo delle aziende. C'è maggiore disponibilità nella suite esecutiva a credere che il clima e le tasse normative potrebbero essere meno onerosi in futuro. Quindi, con meno pessimismo, è probabile che vedrete una maggiore spesa in conto capitale; e che, combinata con un'economia più sana [significherà] i profitti delle imprese trarranno beneficio da una crescita superiore, che non vediamo da diversi anni.

Qual è la più grande minaccia al mercato quest'anno?

Se non ottenere una crescita degli utili aziendali, questa è certamente una grande minaccia. Non vedo che la Fed sia problematica in termini di aumento dei tassi più veloce. [Ma] questo tipo di ambiente è in realtà molto positivo per gli stock value. L'anno scorso, il valore ha sovraperformato la crescita di un ampio margine. Penso che il valore dimostrerà la sua sovraperformance lo scorso anno non è stato un colpo di fortuna e che andrà molto meglio man mano che andremo avanti.

Quali settori e titoli ti piacciono per quest'anno?

Siamo sovrappeso nel consumatore discrezionale. Vediamo alcune grandi opportunità in aziende blue-chip di altissima qualità a prezzi ragionevoli: partecipazioni chiave come Walt Disney e Nike. Ci piace anche l'aspetto demografico dell'industria crocieristica. Pensiamo che avere un operatore di crociera come azienda chiave abbia senso. Ci sono molti catalizzatori di crescita lì. Le valutazioni sono ragionevoli su Royal Caribbean e Carnival Cruises. Per quanto riguarda la vendita al dettaglio? Quel settore non ha funzionato molto bene ultimamente.

C'è stata una reazione eccessiva alle delusioni degli utili - molte più cattive notizie scontate di quelle che potrebbero effettivamente verificarsi. I grandi magazzini sono stati schiacciati. Quindi - ci piace Kohl's, che ha un rendimento da dividendi vicino al 5% e un P / E di circa $ 11. Ci piace American Eagle Outfitters, un rivenditore di abbigliamento per bambini tra i 15 ei 25 anni. Non ha debiti, una valutazione economica e un buon rendimento da dividendi.

Quali altri settori preferisci?

Assistenza sanitaria. I prezzi delle azioni delle compagnie farmaceutiche sono scambiati ad alcuni dei più bassi livelli di sempre. Ad esempio, qualcosa come un Amgen, che sta dando il 3% e ha un P / E di $ 13 e ha una grande pipeline di farmaci per venire e un bilancio fantastico. Gilead Sciences è un altro che è molto apprezzato in un mercato che è abbastanza apprezzato da molte misure. Le compagnie farmaceutiche hanno storicamente aumentato i prezzi molto più velocemente dell'inflazione; ma, con ogni probabilità, non succederà il caso andando avanti, e le valutazioni sugli stock stanno scontando in modo significativo.

Ti piacciono anche le grandi pharma?

Sì, qualcosa come Johnson & Johnson, Merck o Pfizer sono ad un prezzo interessante.

Dove ti trovi quando si tratta del settore energetico?

Le scorte energetiche sono rimbalzate significativamente, ma non stiamo ancora vedendo i risultati migliori quanto vorremmo, quindi non abbiamo aggiunto alla nostra esposizione energetica. La nostra esposizione è nelle principali compagnie petrolifere integrate, come Exxon, Royal Dutch e Total. Sono a prezzi ragionevoli e godono di buoni rendimenti da dividendi.

E i servizi petroliferi?

Ci atteniamo ai nomi di qualità più elevata, dato che non siamo convinti che siamo fuori dall'inverno nucleare fino a qui come la spesa in conto capitale va in energia. Ci piacciono Schlumberger, Baker Hughes e Halliburton. Dal punto di vista price-to-sales e price-to-book, sono attraenti. Schlumberger, che abbiamo appena acquistato nell'ultimo mese o giù di lì, è anche interessante dal punto di vista del rendimento dei dividendi.

Cosa ti piace della tecnologia?

Circa il 20% del nostro portafoglio è in tecnologia. Quindi abbiamo un impegno significativo per la tecnologia; e pensiamo che i nomi dei cap più grandi, come Apple, Microsoft, Intel, Oracle, Cisco e Qualcomm siano tutti molto attraenti.

Quanto ti piacciono i finanziari?

Ci piacciono di più ora che i tassi di interesse sono aumentati. Abbiamo esposizione in compagnie assicurative, come Prudential, Travelers, Allstate e MetLife. Hanno funzionato molto bene nell'ultimo paio di trimestri, eppure le loro valutazioni erano così depresse prima che non fossero ancora al punto in cui avremmo detto di essere ricche di valore.

E le grandi banche?

Ancora vale la pena tenere. Ma in termini di aggiunta di nuovi dollari a loro, ci piacerebbe vedere un po 'più grande ritorno. Stiamo guardando un paio di nomi. Le banche hanno fatto molto bene - hanno sicuramente aiutato i value manager a superare l'anno scorso - e abbiamo partecipato felicemente con azioni come Bank of America, JPMorgan e Wells Fargo, le cui azioni [nonostante lo scandalo della compagnia] hanno effettivamente apprezzato significativamente.

Hai scritto che stai attaccando con alcune scorte che si sono svolte male l'anno scorso. Per favore spiega perché.

C'è ancora valore in quei titoli che devono ancora essere riconosciuti dal mercato. Quindi l'ultima cosa che vorremmo fare è venderli. Se non altro, vogliamo aggiungere alle aree che non sono state eseguite. Qual è la tua prospettiva per i mercati emergenti?

Molte delle aziende che investiamo fanno affari all'estero. Preferirei ottenere un'esposizione ai mercati emergenti attraverso [tali] società multinazionali [che dai singoli paesi]. Ad esempio, molti dei nomi di tecnologia che [abbiamo] hanno un'esposizione all'estero. La liquidità delle società statunitensi è ancora la migliore al mondo. Gli standard contabili sono sicuramente molto meglio qui di quanto lo siano in tutto il mondo. E se investi all'estero, hai problemi di valuta [aggiunta] all'equazione, il che rende un po 'difficile per l'investitore medio avere successo.

Come influirà il dollaro forte sul mercato azionario?

Questa è un'altra potenziale vento contrario per le blue chips, molte delle quali fanno affari all'estero. Ma abbiamo visto un dollaro forte qui negli ultimi due anni, eppure i profitti aziendali sono migliorati. Il dollaro è un grosso problema, ma non credo che vedremo cambiamenti drammatici in termini di valore del dollaro da dove è oggi.

Perché non c'è più attenzione attualmente sul debito nazionale ?

Ad un certo punto, devi pagare il pifferaio. Ma in questo momento i tassi di interesse sono straordinariamente bassi, e questo è un altro positivo. Non vedo un sacco di ragioni per essere preoccupato, anche se, mentre [il deficit] continua a crescere, è qualcosa che non possiamo considerare a lungo termine. La cosa sorprendente è che in tempi di turbolenza - come negli ultimi 6-8 anni - gli investitori hanno gravitato verso il Tesoro degli Stati Uniti come loro rifugio sicuro, il loro strumento di disastro. E questo, naturalmente, riduce il costo del rollover sul nostro debito. Non vedo che cambino in qualunque momento presto. Per il breve periodo, [il deficit] non è un problema.

Ma per ricostruire l'infrastruttura del paese, per esempio - il presidente Trump ha detto che era una delle sue intenzioni - non è quello rubare a Peter di pagare Paul?

Destra. Ma una maggiore crescita economica contribuirà a pagare tutto questo. Stai per prendere alcune delle catene dalle corporazioni. E investiranno di più e assumeranno di più e guadagneranno denaro e spenderanno soldi e pagheranno le tasse - sarà una vittoria per tutti. Abbiamo avuto una crescita economica miserabile per un decennio, ed è per questo che non sono preoccupato per una recessione verificatasi nel primo anno di presidenza di Trump. Siamo in ritardo da tempo per [sostanziale] crescita. Ma non è così semplice come dire che Trump non può tirarlo fuori perché ci sono solo X dollari che possiamo investire e produrrà solo Y. Quando guardi all'economia, non è così semplice come un "se A, quindi B, "analisi.

- Correlato a :

  • Le scelte del voto post-Brexit di John Buckingham
  • Il caso delle azioni a pagamento dei dividendi, ora e dopo
  • Deborah Fox: nuova crisi creditizia sta fermentando
Carica altro

Articolo Precedente

Everplans: uno strumento tecnologico che potrebbe essere un programmatore di giochi immobiliari

Everplans: uno strumento tecnologico che potrebbe essere un programmatore di giochi immobiliari

Quando Abby Schneiderman e Adam Seifer ha fondato Everplans nel 2010, non avevano intenzione di creare quello che potrebbe essere il miglior strumento di marketing per i consulenti finanziari di sempre. Invece, come molte grandi idee, rispondevano a un bisogno che incappavano nella loro vita personale....

Articolo Successivo

Heavy Impact

Heavy Impact

Sapevi che sarebbe successo. Con investimenti alternativi moltiplicati più velocemente di un furry tribble, era solo una questione di tempo prima che colpire lo spazio di investimento socialmente responsabile. E quel momento è adesso. A metà dicembre, l'indice Renewable Energy Industrial (RENIXX) ha toccato il punto più basso di sempre....

Pubblica Il Tuo Commento