FACI: il suo sapore è internazionale, il suo focus è sui registri domestici | La vita / assicurazione sanitaria | 2018

FACI: il suo sapore è internazionale, il suo focus è sui registri domestici

È internazionale, c'è orgoglio nazionale, ma con reg di assicurazione, non c'è medaglia (AP Photo / Rebecca Blackwell)

Al suo secondo incontro pubblico il 6 agosto, il Federal Advisory Committee on Insurance (FACI), una sorta di privato-pubblico La filiale di consulenza per le poltrone dell'Ufficio federale delle assicurazioni (FIO) presso l'USTreasury, segnalava la visione del regolamento assicurativo statunitense attraverso la lente grandangolare dell'internazionalizzazione e cercava anche suggerimenti sulle carenze o sulla necessità di aggiornare il regolamento sulle assicurazioni statali.

Il direttore del FIO Michael McRaith ha anche detto che il tanto atteso rapporto di modernizzazione potrebbe essere previsto "nel prossimo futuro", secondo i presenti.

Un nuovo comitato FACI, formato dal presidente FACI e dall'amministratore delegato di Marsh McLennan Brian Duperrealt, è stato specificamente incaricato di eventuali modifiche alle leggi statunitensi sull'assicurazione dello stato create dall'implementazione di un lavoro di un organismo internazionale noto come ComFrame.

Il Comframe (o, più a lungo termine, hot standard internazionali di regolamentazione internazionale in fase di sviluppo) Sottocommissione, a cui fa capo Il sovrintendente alle assicurazioni dello Stato di New York, Benjamin Lawsky, esaminerebbe il potenziale impatto di tale lavoro in relazione alle leggi assicurative statunitensi, secondo una recensione della riunione FACI di Sue Stead, responsabile del regolamento Nelson Levine de Luca & Hamilton

ComFrame è l'International Association of Insurance Supervisors (IAIS) "Quadro comune per la vigilanza dei gruppi assicurativi attivi a livello internazionale". ComFrame codificherà i metodi di controllo a livello di gruppo dei gruppi assicurativi attivi a livello internazionale (IAIG) al fine di rendere la supervisione a livello di gruppo più efficace e più riflessiva delle pratiche commerciali reali e stabilire un quadro completo per le autorità di vigilanza da affrontare attività e rischi a livello di gruppo e anche motivi per una migliore cooperazione di vigilanza.

ComFrame è un elemento centrale del dialogo sulla vigilanza assicurativa USA / Unione europea, che con Solvibilità II ha visto la sua quota di Stati Uniti sfiducia normativa.

McRaith è membro del comitato esecutivo IAIS. La sottocommissione esaminerà anche come "Comportanza del gruppo" è definita in ComFrame e gli effetti di tali cambiamenti sull'industria statunitense.

In tale ottica, FIO ha avviato un dialogo USA / UE.

Alla recente riunione del FACI , McRaith ha detto che il dialogo sta procedendo bene. Una bozza di documento che copre sette argomenti diversi sarà rilasciata a breve e riguarderà la privacy, la supervisione di gruppo, la riassicurazione (compresi i requisiti collaterali), la rendicontazione finanziaria, la revisione tra pari e la supervisione di terze parti, secondo Nelson Levine. Si prevede che le audizioni si terranno negli Stati Uniti e in Europa. McRaith ha ribadito che spera che ci sarà una risoluzione su questi temi entro la fine dell'anno. Come ha scritto Stead, quando un membro della FACI gli ha chiesto se il FIO avrebbe adottato le opinioni delle autorità di assicurazione statale rispetto a ComFrame, McRaith ha detto che sarebbe stato "inappropriato" per lui affermarlo.

Naturalmente, non tutti i regolatori hanno la stessa opinione su ComFrame, ma un membro della FACI, il Commissario del Dipartimento delle Assicurazioni dello Stato della Pennsylvania, Michael Consedine, ha un dipartimento che parla apertamente di questioni normative internazionali.

In questo incontro, Tom Leonardi (il commissario del Connecticut Insurance che ha partecipato nell'incontro per telefono) ha sfidato McRaith riguardo a ComFrame, chiedendo se il FIO avrebbe adottato le opinioni delle autorità di assicurazione statale rispetto a ComFrame, secondo un avvocato normativo presente. Seguito Consedine, esprimendo la sua preoccupazione per il fatto che il FIO e gli stati potrebbero finire diametralmente opposti l'uno all'altro su approcci prudenziali di supervisione, ma McRaith non si è tirato indietro, rispondendo che è "totalmente fiducioso" che non accadrà e che il FIO e le autorità di assicurazione statale hanno lo stesso interesse per un sistema che sia equo e protegga gli interessi dei consumatori, ha dichiarato questa persona.

"L'unica cosa che mi piace che le persone internazionali stanno facendo è l'ORSA [Own Risk and Solvency Assessment]", ha dichiarato lo scorso autunno l'assessore alla Pennsylvania Pennsylvania Steve Johnson, dopo aver espresso una diatriba contro iniziative normative internazionali come ComFrame, un "Documento di 400 pagine" e altri aspetti di Solvency II. L'ORSA è un requisito di supervisione di gruppo di Solvency II.

Quando un membro del comitato espresse la sua preoccupazione che il FIO e gli stati potessero finire diametralmente opposti l'un l'altro su approcci prudenziali di supervisione, McRaith rispose che era "del tutto sicuro" che non Accade e che il FIO e le autorità di assicurazione statale hanno lo stesso interesse per un sistema che sia equo e protegga gli interessi dei consumatori, lo studio legale Nelson Levine riassume.

Questo nuovo sottocomitato è il terzo formato sotto FACI.

I primi due sottocomitati, Affordability and Accessibility e International Regulatory Balance, hanno già iniziato a lavorare su principi guida, e hanno anche avuto un focus internazionale.

L'ambito di sottocomitato di quest'ultima è più ovvio a livello internazionale, per nome - è incaricato di determinare se era importante per l'Europa e gli Stati Uniti disporre di sistemi di regolamentazione compatibili e determinare cosa "compatibile" significherebbe in questo contesto e se t Il sistema normativo statunitense è attrezzato per regolamentare gli assicuratori che operano a livello internazionale e se ci sono lacune nel sistema statunitense che mettono gli assicuratori statunitensi in svantaggio quando fanno affari a livello internazionale, Stead ha scritto.

Nel sottocomitato Accessibilità e accessibilità, l'accusa è anche internazionale - determinare l'impatto degli sviluppi normativi internazionali sui consumatori statunitensi. Esamina inoltre il ruolo dei regolatori statali chiedendo se il ruolo dei regolatori statunitensi ha tenuto il passo con il mercato statunitense, se i produttori sono stati influenzati dai cambiamenti demografici statunitensi e se la regolamentazione dei produttori a livello nazionale da parte degli Stati ha tenuto il passo con tali cambiamenti , secondo la scrittura dello studio legale. Si chiederà anche se gli assicuratori di linee personali sono stati influenzati dai cambiamenti demografici negli Stati Uniti

McRaith ha detto ancora una volta, secondo il sommario Nelson Levine, che il coordinamento dei tempi della designazione di assicuratori e gruppi come istituzioni importanti sistemiche a livello globale dalla IAIS e come istituzioni finanziarie di importanza sistemica dal Consiglio per la stabilità finanziaria (FSOC) è una priorità. Ciò è accaduto nel primo trimestre del 2013.

Inoltre, come previsto, alla riunione del FACI, McKinsey and Co. ha fornito un'analisi del mercato globale delle proprietà e degli incidenti e del mercato globale delle assicurazioni sulla vita. Come McRaith ha sottolineato utilizzando dati simili in passato, i grandi vettori statunitensi stanno ricavando più del loro reddito dall'estero di quanto non fossero soliti, come riassume Nelson Levine. I rappresentanti della McKinsey hanno affermato che negli anni '50 i vettori statunitensi hanno ricavato circa il 5% dei ricavi dai mercati internazionali. L'analisi ha mostrato che il numero è aumentato al 39% nel 2009.

McRaith ha citato nella sua testimonianza del 17 maggio davanti alla sottocommissione per i servizi finanziari della Camera sulle assicurazioni, l'alloggio e le opportunità comunitarie un recente studio di McKinsey che ha mostrato che gli assicuratori, inclusi gli assicuratori con sede negli Stati Uniti ma non limitato a loro, stanno generando quasi il 33% del volume del premio al di fuori dei Paesi di origine degli assicuratori.

Carica altro

Articolo Precedente

Assicuratori per favorire le trattative sui riacquisti dopo il rally

Assicuratori per favorire le trattative sui riacquisti dopo il rally

Foto / file AP U.S. Gli assicuratori sulla vita utilizzeranno la liquidità per le acquisizioni piuttosto che i riacquisti delle azioni dopo che i riacquisti hanno contribuito a generare un rally lo scorso anno, ha affermato Deloitte LLP nel suo scenario del settore industriale. "I riacquisti di azioni, che erano una parte importante della storia di allocazione del capitale per il 2013, potrebbero non è così attraente ", ha detto in un'intervista Boris Lukan, un preside di Deloitte....

Articolo Successivo

Claymore acquisisce

Claymore acquisisce

Guggenheim Partners e Claymore Group hanno annunciato di aver stipulato un accordo di fusione. Come parte della transazione, Claymore Group e le sue entità associate tra cui Claymore Securities, Claymore Consulenti e Claymore Investments in Canada, diventeranno sussidiarie di proprietà di Guggenheim Partners....

Pubblica Il Tuo Commento